diritti civili delle donne in italia – women’s civil rights in italy

NB: la versione italiana è in coda a quella inglese. correzioni benvenute o in email o nei commenti
1st example:

yersterday evening 7:25 pm i was running in a underground entry to catch a train to go home, we were just two people passing by in a mezzanine.
He mimed to me the act of a slimy kiss as i passed by.
I simply told him “fuck off” while i was running down the escalator.
He headed to the beginning of the escalator – i heard his voice changing echo in be empy mezzanine, and for a second i felt the danger of that situation -just to shout at me tha i’m a piece of shit, and to spit at my footsteps.

I mean: he disgustingly annoied me , and I am a piece of shit – ??? – isn’t this arrogance? isn’t it violence?

2nd example:

in the last weeks in italy some politicians and journalists are asking the government to put a restriction on the 194 law – that made abortion legal in italy, under regulation.
more and more politicians, like berlusconi and others, are going to use this position to gain consense in the next political campain. two days ago the police went in a hospital in naples to ask question to a woman , who just had a legal abortion on a dead foetus.
this is moral violence and violation of the woman’s rigths.

i’m really deeply worried about it, it feels like we are going back 50years of civil right, and no one tells wit a loud voice that this is wrong.

1o esempio:
ieri sera, 19:25, stavo correndo nel mezzanino del passante di porta garibaldi per prendere il treno per casa, incrocio un tipo che sale dalla scala mobile , mentre io mi fiondo giù di corsa.
si produce nel mimo di baci lascivi mentre i nostri occhi si incorciano.
io semplicemente lo mando affanculo mentre corro giù per la scala mobile.
lui, che mi stava parlando mentre usciva dal mezzanino, gira sui suoi passi e venendo nella mia direzione – sento il mutamento della voce al’interno della galleria e per un secondo sento che la situazione potrebbe precipitare – mi urla dietro che sono un pezzo di merda e sputa alle mie spalle.

eh? uno sconsociuto fa lo schifoso, io lo mando a ranare e IO SONO UN PEZZO DI MERDA? faccia tosta, arrogante che non sei altro.

2o esempio:

ne scrive qui SirDrake.

ho la netta sensazione, come scrivo anche nei commenti al Sir cheFerrara stia tentando di colpire al fegato i cattolici per farli uscire dal pd. ho la sensazione che molti politici stiano per cavalcare l’onda emotiva della moratoria alla 194 .

sono profondamente preoccupata per la violazione dei diritti civili di questa donna, una di tante a cui in un momento orribile della vita è stato riservato un trattamente profondamente immorale ed ingiusto.
stiamo tornando agli anni 50, si stanno violando i diritti di tante e nessuno alza la voce per protestare l’efferatezza di tutto ciò: e io sono profondamente preoccupata.

This entry was posted in Uncategorized and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

3 Responses to diritti civili delle donne in italia – women’s civil rights in italy

  1. Sir Drake says:

    Sinceramente sono rimasto un po’ sorpreso di come la notizia del blitz poliziesco in ospedale sia passata un po’ sotto silenzio.
    Non tanto nei vituperati “media tradizionali”, che da ieri sera hanno dato ampio risalto alla notizia.
    Ma nei blog, in questi spazi di libertà e civiltà, che rappresentano il nuovo che avanza,
    Basta dare un’occhiata all’home page di BlogBabel per rendersi conto che – a parte tu ed io – sono stati pochi i blogger che hanno commentato questa notizia.
    Non sarà che i blogger sono tutti contro la legge 194? E anche le signore blogger???

  2. kabalino says:

    così, a pelle, siamo in uno di quei periodi in cui c’è una maggior tendenza a lasciar da parte l’intelligenza per dare libero corso alla stupidità imperante…e stupidità significa violenza, viltà, prevaricazione ecc…e le persone più deboli non possono che rimetterci…

  3. silvia says:

    Le indagini a seguito di denuncie attinenti a fatti tanto gravi sono doverose, anche se il denunciante si nasconde dietro un VILE anonimato.
    Certo è che, data la delicatezza della situazione nonchè il rischio, concreto come in questo caso, di incorrere in un errore, dovrebbero indurre gli agenti a muoversi con maggiore cautela.
    Provo una rabbia cieca ed anche un certo timore dell’essere che ha effettuato la denuncia.
    Soggetti ottusi con i quali non è possibile alcun contraddittorio.
    Muri di Gomma.
    Ma il mio disappunto coinvolge maggiormente gli agenti e su tutti chi di loro, più alto in grado, ha dato le direttive per l’intervento.
    Un elefante in un negozio di cristalli.

Comments are closed.